L’uso del decanter non è un vezzo da sommelier. La decantazione, infatti, ha uno scopo ben preciso. Leggi a cosa serve il decanter vino e perché dovresti averne uno a casa anche tu!

Decanter vino, a cosa serve e quando usarlo

Il decanter è una sorta di grande ampolla in vetro o cristallo trasparente, schiacciata sul fondo e caratterizzata da un collo molto lungo. Il suo scopo primario è di mantenere eventuali sedimenti solidi sul fondo in modo che non escano insieme al liquido. Poi serve anche a favorire l’ossigenazione del vino, soprattutto se si tratta di un prodotto affinato per lungo tempo.

Il decanter è uno strumento prezioso per degustare il vino, ma non va usato a caso, soltanto per fare bella figura, per intenderci… in linea di massima possiamo dire che è indicato per i vini rossi vinificati in acciaio e in barriques o botte dai 5 anni in poi (ad esempio per un Barolo), se ci sono incrostazioni tartariche sul fondo della bottiglia o lungo le pareti della bottiglia. Lo stesso discorso vale anche per i vini bianchi vinificati in barriques o botte dai 5 ai 10 anni che presentino incrostazioni tartariche che possono rilasciare pezzettini durante il versamento del vino nei bicchieri.

Decanter, quando non usarlo

Per i vini rossi vinificati in acciaio e in barriques o botte, giovani fino a 5 anni non è consigliabile usare il decanter. Dunque, come avrai capito, la decantazione va fatta solo in alcuni casi.