Un vino dalla duplice anima

Adriano Marco e Vittorio si trova nella zona di Alba, provincia di Cuneo, gestita dai fratelli Marco e Vittorio, che da oltre 10 vinificano senza diserbanti chimici in tutti i loro 30 ettari piantati a vite di proprietà dell’azienda.

Il nome Basarin viene da uno dei 4 vigneti, dove si coltiva anche Barbera, oltre al Nebbiolo protagonista ovviamente di questo Barbaresco, fermentato in acciaio e poi maturato 18 mesi fra botti grandi di rovere e bottiglia.

Il color rubino tendente al granato e le splendide trasparenze che si mostrano nel calice, denotano un’eleganza che si conferma all’olfatto con un netto timbro floreale e delicate speziature dolci appena accennate vista la giovane età, ma che lasciano trasparire tanta sapienza nell’uso del legno.

Il sorso sfodera l’altra anima di questo territorialissimo vino, dove si incontrano densità potenza, sapidità e un tannino che è già perfettamente gestito e molto piacevole.

Abbinato a bucatini al sugo di agnello con patate e piselli, non ha per niente sfigurato, bilanciando al meglio la notevole tendenza dolce del piatto.

Le Nostre Considerazioni

Profumi7.5
Gusto7
Equilibrio7
Persistenza6.5
Longevità7
Rapporto Qualità Prezzo7.5

Giudizio Finale di Vinos.it su questo Vino

7.1