Nero d'Avola La Valle della Luna

Degustazione Nero d’Avola La Valle della Luna

Un rosso deciso, che non si dimentica facilmente dopo il primo sorso

Questa settimana parliamo del re dei vini rossi siciliani, il Nero d’Avola, e lo facciamo con quello prodotto dall’azienda La Valle della Luna di Partanna, in provincia di Trapani. La cantina, da circa 8 anni, ha avviato un progetto volto alla crescita della realtà produttiva ed economica locale, attraverso la coltivazione di 60 ettari di terreno con i vitigni autoctoni.

I vigneti dove nasce il Nero d’Avola, utilizzato in purezza per la creazione di questo vino, godono di inverni miti ed estati calde, sono coltivati con il sistema a guyot, mentre il terreno è di tipo argilloso. La vendemmia ha luogo manualmente, ed i grappoli selezionati in vigna vengono sottoposti a diraspatura e pigiatura, quindi sono messi a macerare a freddo per tre giorni. Dopo la fermentazione malolattica, il vino è sottoposto ad affinamento, in parte in recipienti di acciaio inox, mentre un’altra porzione è messa ad invecchiare in botti di rovere francese per 8 mesi; infine si registra la filtrazione e l’imbottigliamento, con la gradazione alcolica di 14% vol.

Il Nero d’Avola Sicilia Doc va stappato almeno un’ora prima di degustarlo, e versato in calici di tipo Bordeaux alla temperatura di servizio di 18-20° C. Il colore è rosso rubino molto intenso, con sfumature violacee che, con l’invecchiamento, tendono al granato. L’esame olfattivo ci dona aromi fruttati, con note di ciliegie, prugne, frutti di bosco, oltre che sentori di spezie, cacao, cuoio e carrube. All’assaggio si presenta sontuoso, caldo e dotato di una spalla acida ben integrata con la trama tannica, che evidenzia un buon potenziale di invecchiamento per questo vino; ben strutturato e corposo, il sorso è complesso ed il finale si lascia “masticare” a lungo, con richiami ai frutti percepiti in sede olfattiva.

Il Nero d’Avola Sicilia Doc di La Valle della Luna si sposa bene con carni rosse alla griglia, arrosti, selvaggina da piuma e pelo, carni in umido e al sugo, ma anche con primi piatti sostanziosi, salumi e formaggi stagionati. Si presta ad un buon invecchiamento in cantina. Alla salute!

7.3 / 10 Voto Finale
Profumi
Gusto
Equilibrio
Persistenza
Longevità
Rapporto Qualità Prezzo