Degustazione Valpolicella Ripasso Doc della Società Agricola Fattori

Il Valpolicella Ripasso Superiore Doc è il protagonista della nostra degustazione settimanale: il suo nome è “Col de la Bastia” ed è prodotto dalla società agricola Fattori di Terrossa di Roncà (Verona).

Un vino rosso deciso, importante, e che si presta ad un discreto invecchiamento in cantina. La particolarità ed il pregio del Ripasso, consistono nel fatto che una fase della fermentazione venga svolta con l’aggiunta di vinacce utilizzate per l’Amarone, re dei rossi veneti.

Il vino è ottenuto mediante l’impiego principalmente di uve Corvina (65%), ma anche di Corvinone (15%), Rondinella (10%) ed altri vitigni in piccole percentuali.

I terreni sono situati a Bastia, tra la Val d’Alpone e la Val d’Illasi, e sono di natura argillosa-marnosa subalcalina. Situate ad un’altitudine di 450 metri, le vigne sono in parte nuove, in parte di 20-25 anni d’età.

La vendemmia avviene manualmente, verso la fine di settembre; dopo la diraspatura e la pigiatura, è avviata la fermentazione in contenitori d’acciaio. Successivamente, ha luogo una seconda macerazione sulle vinacce dell’Amarone appena svinato.

La maturazione si registra in botti di rovere da 500 e 1.000 litri per un anno e mezzo (da qui la denominazione Superiore, purché effettui un anno di invecchiamento in legno). Infine il vino è imbottigliato e messo in commercio con la gradazione di 14,5% vol.

Stappiamo “Col de la BastiaValpolicella Ripasso Superiore Doc almeno un’ora prima di degustarlo, e versiamolo in calici a tulipano di tipo Bordeaux alla temperatura di servizio di 18° C. Nel bicchiere notiamo un colore rosso rubino limpido, con riflessi aranciati ed una buona densità, che traspare dagli archetti sulla parete interna del calice.

All’olfatto emergono dapprima sentori terrosi, di sottobosco e di frutta rossa, mentre con l’ossigenazione si scoprono aromi di frutti di bosco, specialmente more, ciliegie, vaniglia, viola, oltre che note intense di cacao, caffè e sensazioni di tartufo nero.

In bocca l’impatto è deciso e caldo, con il vino che svela la sua morbidezza, la trama tannica evidente ed integrata ed il buon corpo. Armonico e dotato di una notevole freschezza, ha un finale persistente e leggermente fruttato.

Abbiniamo “Col de la BastiaValpolicella Ripasso Superiore Doc Fattori a pasta al ragù, carni alla griglia, filetto con porcini e selvaggina; si sposa bene anche con salumi e formaggi mediamente stagionati, maiale al forno e zuppe a base di carne e legumi.

Si presta ad un invecchiamento in cantina anche superiore ai 10 anni. Alla salute!

7 / 10 Voto Finale
Profumi
Gusto
Equilibrio
Persistenza
Longevità
Rapporto Qualità Prezzo