Degustazione Drus Nero d’Avola di Cantine Gulino

In greco il nome vuol dire “quercia”, e come tale albero è un vino maestoso e di carattere, possente e che si lascia bere, sorso dopo sorso: è “Drus”, il Nero d’Avola Terre Siciliane Igp prodotto da Cantine Gulino, azienda di Siracusa.

Ci troviamo negli immediati dintorni della celebre città siciliana, dove l’azienda, che affonda le proprie origini nella fine del 1700, produce vini ottenuti da vitigni prettamente autoctoni.
Il Nero d’Avola, utilizzato in questo caso in purezza, è coltivato in contrada Fanusa, in terreni che godono di sole quasi tutto l’anno e della brezza del vicino mare.

La vendemmia ha luogo intorno alla terza decade di settembre, con una resa di 80 quintali per ettaro vitato: i grappoli vengono selezionati e condotti in cantina, per essere sottoposti a diraspatura e pigiatura. Dopo l’avvenuta macerazione pellicolare, avviene la pressatura soffice, quindi la fermentazione in recipienti di acciaio inox, alla temperatura controllata di 25° C.

La maturazione ha luogo in barriques di rovere Allier; dopo 12 mesi il vino è imbottigliato e fatto affinare per ulteriori mesi, prima di essere messo in commercio con la gradazione di 14% vol.

Drus” nero d’Avola Terre Siciliane Igp va stappato almeno un’ora prima di degustarlo, e versato in calici di tipo Bordeaux, alla temperatura di servizio di 18° C.

Il colore è rosso rubino intenso, con riflessi violacei, ed ha una buona densità, come traspare dagli archetti all’interno del bicchiere.

Al naso si percepiscono inizialmente sentori di viola, ciliegia, more ed altri frutti rossi; con l’ossigenazione fanno capolino aromi di confetture di frutti di bosco, vaniglia, liquirizia, note speziate e di cioccolato.

Portandolo in bocca si contraddistingue per un sorso pieno, morbido ed equilibrato. Non privo di acidità, possiede comunque una trama tannica dolce e ben integrata, insomma si tratta di un vino armonico e di carattere, con un finale persistente e fruttato.

Abbiniamo “Drus” Nero d’Avola di Cantine Gulino a primi piatti saporiti come pasta al ragù o pasta al forno, formaggi e salumi stagionati, carni alla brace, maiale in umido e cacciagione.

Si presta ad un in invecchiamento in cantina di almeno 5 anni, con la bottiglia coricata al buio. Alla salute!

Review Box 0
7.3 / 10 Voto Finale
Profumi
Gusto
Equilibrio
Persistenza
Longevità
Rapporto Qualità Prezzo