martedì, Giugno 18, 2024
HomeNewsIl Salone del Vino 2024 a Torino si espande: 500 cantine e...

Il Salone del Vino 2024 a Torino si espande: 500 cantine e nuove location

Il Salone del Vino 2024 a Torino si appresta a stupire gli amanti del buon vino con una seconda edizione ancor più ricca e coinvolgente. L’evento, dedicato alle eccellenze vitivinicole piemontesi, si svolgerà dal 2 al 4 marzo 2024, con sorprese e novità che renderanno l’esperienza indimenticabile.

Salone del Vino Torino: una doppia espansione e nuove prospettive

In un annuncio sorprendente, il Salone del Vino di Torino raddoppia il numero di cantine partecipanti, passando da 250 a 500. Questo incremento testimonia il crescente interesse e l’apprezzamento che l’evento ha ottenuto nella sua prima edizione nel 2023.

La principale novità riguarda la location, che si sposterà dalle storiche mura della Cavallerizza Reale alle Ogr. Questo cambio di sede promette di aggiungere un tocco di modernità e innovazione all’evento, creando nuove atmosfere e scenari unici per gli appassionati di vino.

Un weekend di gusto e cultura enologica

Il programma del Salone del Vino prevede due giornate aperte al pubblico, sabato 2 e domenica 3 marzo, ricche di degustazioni, talk e presentazioni. L’evento si concluderà il 4 marzo, riservando la giornata esclusivamente agli operatori professionali del settore vinicolo.

Ma le sorprese inizieranno ancor prima, il 27 febbraio, con il lancio del programma di cene con i vigneron, talk e altri eventi che avranno luogo in diversi luoghi della città. Un’opportunità per gli appassionati di approfondire la conoscenza del mondo enologico e interagire direttamente con i protagonisti del settore.

Salone del Vino Torino
Salone del Vino Torino

Salone del Vino Torino: sostenibilità e coinvolgimento delle realtà piemontesi

Il Salone del Vino 2024 si pone l’obiettivo di promuovere la sostenibilità in tutti i suoi aspetti: ambientale, economica e sociale. Grazie alla collaborazione con le università piemontesi e il comitato scientifico, l’evento diventa un’occasione per riflettere sull’impatto del settore vinicolo e promuovere pratiche più sostenibili.

Il coinvolgimento delle realtà piemontesi legate alla filiera vitivinicola, come le produzioni di vermouth e grappe, aggiunge ulteriori sfaccettature all’esperienza del Salone del Vino, offrendo una panoramica completa delle eccellenze locali.

Il futuro del Salone del Vino: cashless e innovazione digitale

Il Salone del Vino 2024 introduce importanti novità anche dal punto di vista tecnologico. L’intero evento diventa cashless, con l’implementazione di una piattaforma digitale dedicata sia al pubblico che alle cantine partecipanti. Questo passo verso l’innovazione digitale promette di semplificare l’esperienza di tutti i partecipanti, garantendo una gestione più efficiente e moderna dell’evento.

Conclusione: una celebrazione unica del vino piemontese

In conclusione, il Salone del Vino 2024 a Torino si presenta come un appuntamento imperdibile per gli amanti del vino, con una proposta rinnovata e ampliata che celebra le eccellenze vitivinicole piemontesi. Un connubio tra tradizione e innovazione che renderà questo evento un momento indimenticabile per tutti gli appassionati del buon vino. La doppia espansione, l’ampio programma di attività e il focus sulla sostenibilità consolidano il Salone del Vino come un pilastro nell’universo enologico, unendo cultura, gusto e innovazione in un unico evento straordinario.

RELATED ARTICLES

ULTIMI ARTICOLI