Prosecco “Solicum” Cuvée Brut cantina Colli del Soligo

Degustazione del Solicum Prosecco Conegliano Valdobbiadene Docg Brut

Il Prosecco “Solicum” Cuvée Brut realizzato dalla cantina Colli del Soligo.

Un grande vino Spumante prodotto con il Metodo Charmat

Un vino che, sorso dopo sorso, regala tutte le sensazioni che ci si aspetta da uno dei prodotti enologici italiani più diffusi: stiamo parlando del Prosecco “Solicum” Cuvée Brut realizzato dalla cantina Colli del Soligo, con la Denominazione d’origine controllata e garantita Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore.

Per chi non ne fosse a conoscenza, si tratta della zona “top quality” per ciò che riguarda il Prosecco, dove è massima l’attenzione al territorio, alla coltivazione e alla raccolta dell’uva Glera, vitigno con il quale viene prodotto il Prosecco.

I vigneti sorgono sulle colline di San Pietro di Feletto, Refrontolo, Col San Martino e Miane, tutte nella zona di Treviso, ed i terreni sono caratterizzati dalla presenza di argilla e sostanze minerali, con temperature variabili a cui le viti ben si adattano.

La vendemmia avviene manualmente nel mese di settembre, quando i grappoli dei vari terreni vengono selezionati e condotti in cantina, per essere sottoposti a pressatura soffice; segue la fermentazione che ha luogo in recipienti di acciaio inox, con l’aggiunta di lieviti selezionati.

Successivamente avviene l’assemblaggio dei vari mosti, per la formazione della cuvée, e la messa in autoclave per la presa di spuma, secondo quanto previsto dal metodo Charmat-Martinotti. Infine il vino è pronto per essere imbottigliato e messo in commercio con la gradazione di 11,5% vol e la classificazione Brut, in quanto la concentrazione zuccherina è pari a 7 grammi per litro.

Il “Solicum” Conegliano Valdobbiadene Superiore Docg va servito ben fresco, in flute o calici a tulipano non troppo ampi, alla temperatura di servizio di 4-6° C. Il colore è giallo pallido tendente al verdolino, il perlage è fine e molto persistente, la spuma consistente. Al naso troveremo aromi fruttati, di pera Williams, mela verde, banana, agrumi e frutti tropicali, ma anche sentori minerali e salmastri, nonché note di confetto, mandorla, vaniglia e crosta di pane.

Portando il Prosecco in bocca ne scopriremo tutta la freschezza, bilanciata da una punta di sapidità, ma soprattutto lo straordinario equilibrio e la buona cremosità; elegante e armonioso, possiede un finale persistente, caratterizzato da un retrogusto leggermente fruttato.

Gli abbinamenti migliori per il Prosecco “Solicum” Cuvée Brut Conegliano Valdobbiadene Superiore Docg della Cantina Colli del Soligo sono quelli con gli antipasti di pesce crudo, sushi, ostriche, e insalata di crostacei; si sposa perfettamente anche con del pesce al forno o alla griglia, formaggi mediamente stagionati e pietanze a base di ortaggi. È ottimo da consumare nel corso di un aperitivo. Insomma un vino che, al netto delle esaltazioni e delle denigrazioni che vengono fatte del Prosecco in Italia, dimostra che, se un vino è fatto bene, così come è il caso di questo “Solicum”, può regalare soddisfazioni vere. Alla salute!



Profumi: 6,5
Gusto: 7,5
Equilibrio: 8
Persistenza: 7
Longevità: 6,5
Rapporto q/p: 7,5