Intervista alla Cantina Tenute Lombardo

Intervista alla Cantina Tenute Lombardo: autoctono si nasce

Un’azienda in provincia di Caltanissetta che produce vini autoctoni

Oggi siamo a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, dove si trovano le Tenute Lombardo, frutto del lavoro di oltre mezzo secolo e della passione per la terra di papà Giuseppe e dei figli Salvatore, Gianfranco e Roberto. L’azienda è nata negli anni Sessanta, ma l’anno della svolta è il 2006, quando i tre fratelli hanno deciso di rivolgersi non solo al mercato locale, ma anche a quello internazionale.

Sin dall’inizio la famiglia Lombardo ha creduto nelle potenzialità dei vitigni autoctoni siciliani, in particolare del Nero d’Avola e del Catarratto, e nell’ultimo decennio sono stati introdotti altre varietà, come il Grillo e il Moscato Bianco. Come ci racconta Salvatore: “Da queste uve nascono i nostri vini; siamo tra i pochissimi a produrre con il Nero d’Avola ben 5 tipologie diverse: Sualtezza 650 Rosè (spumante metodo Martinotti), un rosato “Fiore di Nero”, due rossi ben strutturati Nero d’altura ed Eimì e un vino passito il “Passa di Nero” proveniente da uve appassite sulla pianta.

A questi aggiungiamo i vini bianchi ormai classici del nostro territorio, da uve CatarrattoSualtezza 650” (spumante metodo Martinotti), il “Bianco d’Altura” e da uve Grillo il “Grillo d’Altura”.

Le caratteristiche dei vini sono strettamente legato al luogo di produzione: l’azienda si trova nel cuore della Sicilia, nei territori collinari di Caltanissetta tra i 550 e i 650 m. s.l.m.; i terreni sono sciolti molto ricchi di pietra calcarea e vocati alla produzione della frutta in particolare delle uve da vino. L’azienda è distante dal mare circa 50 km e ciò comporta, tra i mesi di luglio ed ottobre, degli sbalzi termici di oltre 15° C tra il giorno e la notte ed una scarsa piovosità durante il periodo vegeto produttivo della vite (maggio- settembre).

Tutto questo – come sottolinea Gianfrancoconferisce ai nostri vini una alta personalità con freschezza ed eleganza agli odori, sapori e profumi intensi, molto fruttati e persistenti”.

Se il loro vino di punta (Eimì – dal greco “Io Sono”) fosse una persona, Roberto non ha dubbi: “Sarebbe intanto austero, ma sicuramente emozionante, autentico e dalla personalità decisa che lascia il ricordo”.

Grazie alle Tenute Lombardo per questa bella chiacchierata!