lunedì, Maggio 27, 2024
HomeNewsTsingtao: non bere questa birra cinese! Il video smaschera il dipendente, si...

Tsingtao: non bere questa birra cinese! Il video smaschera il dipendente, si apre i pantaloni e…

Nel mondo dell’enogastronomia, dove ogni sorso e ogni piatto narrano storie millenarie, Tsingtao emerge come una birra cinese che spalanca le porte al dibattito. Il video virale che ha fatto tremare le fondamenta della Tsingtao Brewery, il secondo produttore di birra più grande della Cina, ha scosso il mondo enogastronomico. Un dipendente – o presunto tale – è stato catturato in un gesto sconvolgente. Si è aperto i pantaloni e…

Tsingtao: lo scandaloso video virale

In un batter d’occhio, il video è diventato virale, ottenendo decine di milioni di visualizzazioni in poche ore. Le immagini mostrano un uomo in uniforme blu, ancorché non sia chiaro se sia “blu estoril” o “blu Cina,” indossando un casco di sicurezza, arrampicarsi su una delle vasche di malto in un magazzino – il famigerato “birrificio numero tre” di Tsingtao. Poi, il gesto scandaloso: ha abbassato la zip e ha iniziato a urinare all’interno della vasca.

Il contraccolpo e la reazione di Tsingtao

Il contraccolpo è stato devastante, sia in termini mediatici che economici. Le vendite di birra hanno iniziato a vacillare in modo preoccupante. La Tsingtao è stata costretta a intervenire con un comunicato ufficiale: “La nostra azienda attribuisce grande importanza al video diffuso, registrato nel birrificio numero tre di Tsingtao il 19 ottobre”, si legge nella nota stampa dell’azienda.

Tsingtao
Tsingtao

“Abbiamo immediatamente denunciato l’accaduto alla polizia, e le autorità di pubblica sicurezza sono coinvolte nelle indagini”. La Tsingtao ha anche voluto rassicurare il pubblico, affermando che “il lotto di malto coinvolto è stato completamente sigillato” e che si impegnerà a “rafforzare le proprie procedure di gestione e di sicurezza al fine di garantire la qualità del prodotto.”

Ombre e luci: la verità dietro il video

Oltre alle risate e alle battute che hanno invaso la sfera internetiana, ci sono aspetti meno chiari. Ancora non è stato stabilito se il protagonista del video sia veramente un dipendente Tsingtao. La nota stampa dell’azienda sottolinea che la risoluzione delle immagini è “troppo bassa per determinare se l’uomo in uniforme sia effettivamente un dipendente dell’azienda.” Potrebbe anche essere un tentativo di sabotaggio orchestrato da un rivale di mercato.

In conclusione, il mondo enogastronomico attende con ansia di vedere come si risolverà questo misterioso e bizzarro episodio legato al nome di Tsingtao. La birra, con la sua tradizione e la sua reputazione, ha sempre più da raccontare di quanto ci si possa aspettare. Sarà interessante vedere come questa vicenda influenzerà la percezione e il futuro di questa eccellenza cinese.

RELATED ARTICLES

ULTIMI ARTICOLI