Scegliere il vino giusto non è così difficile come può sembrare. Intanto, sfatiamo un mito: non è sempre vero che il pesce va con il bianco e la carne con il rosso.

Come scegliere il vino giusto

La regola fondamentale per scegliere il vino giusto è conoscere il menù della serata. Per alcuni piatti a base di pesce come polpo, insalate di mare, antipasti, crostacei, molluschi e fritture miste è valido esclusivamente l’abbinamento tradizionale con il vino bianco.

Quando però la preparazione prevede l’uso di spezie e/o pomodoro (es. zuppa di pesce), il discorso cambia e allora è ottimo anche un vino rosso profumato e leggero, come ad esempio il Lambrusco o il Frappato.

Come per il pesce, anche per alcuni piatti a base di carne, come il brasato o l’arrosto, è assolutamente d’obbligo l’abbinamento con il vino rosso, (es. Barolo, Brunello di Montalcino, Pinot nero giovane). Con il crudo di carne, tuttavia, il bianco (es. Gewürztraminer, Pinot bianco) si rivela la scelta vincente! Anche con alcuni salumi, come il prosciutto di Praga, il prosciutto crudo poco stagionato è preferibile il vino bianco, come il Greco di Tufo, il Vermentino, l’Etna bianco o anche il Prosecco.

Come scegliere il vino giusto: il Jolly

Devi sapere che esistono dei vini che stanno bene praticamente con tutto, come i vini Metodo Classico. Ne sono un esempio il Francicorta, il Trento DOC e l’Oltrepò Pavese Metodo Classico DOCG. Un’ultima cosa… se non vuoi fare brutta figura con i tuoi amici e con una donna/uomo al primo appuntamento, mi raccomando, non tenere il bicchiere dalla pancia, ma dallo stelo e non riempirlo fino all’orlo, ma per circa un terzo della sua capienza!