Vermentino Doc Stellato Azienda Agricola Pala

Degustazione del Vermentino Doc “Stellato” dell’Azienda Agricola Pala

Un Vermentino di Sardegna appassionante… a ogni sorso tira fuori il meglio di sé

Il Vermentino è tra i vitigni più noti in Italia per la realizzazione di vini bianchi di qualità, capace di offrire aromi e caratteristiche organolettiche che, in questo caso, soddisfano sia i meno esperti che gli appassionati del mondo enologico.

Il Vermentino, utilizzato in purezza, è coltivato in località Is Crabilis di Ussana su terreni collinari sabbiosi e argilloso-calcarei, ricchi di scheletro, posti a 180 metri sul livello del mare. L’allevamento è a spalliera bassa, le viti hanno 60 anni di età, mentre la resa è di 65 quintali per ettaro.

Dopo la vendemmia, i grappoli vengono sottoposti a pigiatura soffice e il mosto ottenuto sottoposto a pulizia e all’aggiunta di lieviti selezionati dagli stessi vigneti; la fermentazione avviene in recipienti di acciaio inox alla temperatura controllata di 12° C. La maturazione dura circa 5 mesi a contatto con le fecce fini e, dopo una ulteriore pulizia, il vino è imbottigliato e messo in commercio con la gradazione di 14% vol.

Degustiamo il Vermentino di Sardegna Doc “Stellato”: subito dopo averlo stappato, versiamolo in calici dall’apertura media alla temperatura di servizio di 12° C. Il colore è giallo paglierino brillante con bei riflessi dorati, mentre avvicinando il bicchiere al naso prenderemo parte ad un viaggio olfattivo del tutto particolare. Sì, perché agli iniziali sentori di fiori di sambuco, biancospino, agrumi e pera Williams, seguiranno aromi intensi e vivaci di fiori di campo, vaniglia, cioccolato bianco, cera, oltre che evidenti note salmastre e minerali. In bocca è pieno, caldo, connotato da freschezza e corposità; ben strutturato, è dotato di un finale persistente.

Possiamo abbinare il Vermentino di Sardegna Doc “Stellato” dell’Azienda Agricola Pala ai piatti della cucina marinara, come antipasti a base di crudi, crostacei e insalate di polpo o totano, primi come linguine allo scoglio, risotto alla marinara e pesce al forno o tartare; si sposa egregiamente anche con minestre e zuppe con legumi, carni bianche in umido, sformati di verdure e ortaggi grigliati, oltre che formaggi non stagionati. Si presta ad un invecchiamento in cantina di alcuni anni, con la bottiglia coricata al buio. Alla salute!


Profumi: 8
Gusto: 7,5
Equilibrio: 8
Persistenza: 7,5
Longevità: 7
Rapporto q/p: 7